CHE COSA FACCIAMO


La Diffusion Whole Body è un esame diagnostico che utilizza un apparecchio di risonanza magnetica di ultima generazione e che permette di individuare tumori anche molto piccoli (dai 3-4 millimetri) in tutto il corpo e in una sola seduta.

Il suo obbiettivo è quindi la diagnosi precoce dei tumori, in modo da poterli aggredire finché sono piccoli e localizzati, con le migliori possibilità di cura possibili. E’ l’evoluzione di un’apparecchiatura normalmente in commercio, che è stata “specializzata” per la rilevazione dei tumori.



DIFFUSION WHOLE BODY


Presso l’Istituto Oncologico Europeo, in otto anni di sperimentazione e in collaborazione con altri centri europei, sono state apportate nuove configurazioni, che ne hanno migliorato le prestazioni, sia per soddisfare le esigenze cliniche sia per ridurre il tempo dell’esame, che all’inizio era molto lungo e che ora è di circa 30 minuti.

Come tutte le RM non utilizza radiazioni e, in questo caso, non richiede l’iniezione di mezzo di contrasto. È quindi un esame non invasivo e del tutto privo di rischi biologici. Si basa su un’idea concettualmente semplice, perché l’esame rileva il movimento delle molecole d’acqua, che quando sono “intrappolate” in un tessuto ipercellulare (come ad esempio il tumore) risultano “brillanti” alla risonanza magnetica. Nel tessuto canceroso, che è appunto ipercellulare, le molecole d’acqua sono più vicine tra loro, si addensano. Questo permette, attualmente, di rilevare alterazioni cancerose di 3-4 millimetri, sufficientemente piccole per un’efficace diagnosi precoce.


Il valore e le caratteristiche della Diffusion Whole Body esposte dal dott. Giuseppe Petralia, Direttore di ASC Italia e vicedirettore dello IEO